Lo scoiattolo

 

Lo scoiattolo: l’acrobata dei boschi

 

Scoiattolo

 

Diversi sono i mammiferi selvatici che da sempre abitano il nostro territorio, altri invece lo hanno colonizzato solo in tempi recenti.Grandi, piccoli, eleganti, goffi o strani sono pressoché tutti notturni ed alquanto elusivi: incontrarli e poterli vedere è sempre pertanto un fugace evento fortuito ed occasionale.Solo uno fra tutti, fortunatamente per noi, è diurno…e di certo non passa inosservato, lo scoiattolo (Sciurus vulgaris).Segnalato sporadicamente già da qualche tempo, solo quest’anno è diventato assai popolare fra chi frequenta i bei parchi di Montecerreto e di Montecchio, dove in pieno giorno coi suoi continui movimenti su e giù lungo i tronchi, i salti spericolati da una pianta all’altra e gli aggraziati balzelli sul terreno attira l’attenzione anche dei più concentrati cercatori di funghi e asparagi e degli scalmanati bambini che giocano sui dondoli.

Questo simpatico roditore occupa un proprio territorio nei boschi di latifoglie, di conifere e misti conducendo una vita solitaria per gran parte dell’anno. Prevalentemente vegetariano, ricerca instancabilmente frutti del sottobosco, pinoli ed altri semi di conifere, nocciole, castagne, ghiande, germogli, radici, scorze e foglie; nella sua dieta entrano in misura assai inferiore anche insetti ed altri invertebrati, uova e nidiacei. Ben nota è la sua abitudine di immagazzinare scorte di cibo per l’inverno nella cavità dei tronchi o sotto terra; i semi in eccesso o dimenticati concorrono così alla diffusione delle piante nel bosco.
Maggiormente attivo nel primo mattino e nel tardo pomeriggio, trascorre le ore di riposo in un nido sferico che si costruisce con ramoscelli intrecciati alla biforcazione dei rami più alti. Talvolta utilizza i nidi abbandonati dagli uccelli o la cavità in un tronco d’albero.
Nelle zone a clima mite lo scoiattolo si riproduce due volte all’anno, in primavera e in inverno; sulle alte montagne ed alle latitudini più settentrionali solamente in primavera. Dopo una gestazione di 38 giorni vengono partoriti nel nido imbottito di erbe e muschio 3-5 piccoli nudi e ciechi. Accuditi ed allattati nel nido durante il primo mese, cominciano poi lo svezzamento con l’assunzione di cibi solidi e le prime passeggiate nei boschi.
A circa due mesi, terminato definitivamente l’allattamento, diventano indipendenti e si separano dalla madre. Ad un anno di età raggiungono la maturità sessuale.
In Italia lo scoiattolo è presente con diverse sottospecie che differiscono nella colorazione del mantello: le popolazioni alpine e centro-settentrionali hanno una colorazione tipicamente rossiccia, più scura in inverno; le popolazioni meridionali hanno invece una tinta nerastra.
In Inghilterra e nell’Italia settentrionale, soprattutto in pianura e nei parchi cittadini, vive attualmente anche lo scoiattolo grigio dell’America del Nord (Sciurus carolinensis). Liberati nel 1890 in Inghilterra e dal 1948 in Piemonte, Liguria e Lombardia, questi scoiattoli si sono adattati e diffusi velocemente in molte altre località e costituiscono ora una minaccia per lo scoiattolo europeo che rischia di venir soppiantato da questa nuova specie.
 
Sandro casali
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Segnala questo articolo sui Social Networks
Google! Facebook! Twitter!

Una storia di cuore

Pubblicità progresso