Animali investiti: Pronta da parte dell’APAS la norma per modificare il Codice della Strada

cane_incidente_stradale.jpgSan Marino, 20 Settembre 2016 - L’investimento del cucciolo di cane avvenuto un paio di giorni fa, ad opera di un conducente che viaggiava oltre il limite di velocità consentito, lascia senza parole, oltre che per la tragicità del fatto, anche per il cinismo con cui questa persona avrebbe commentato l’incidente, dicendo di non essersi fermato “poiché credeva di aver investito un gatto!” Non ci sono parole per commentare la gravità della dichiarazione, per quantificare la disumanità di tale individuo, per classificare la sua condotta incivile, crudele e priva di qualsiasi principio etico e morale. In Italia dal 27 Dicembre 2012 chi investe un cane o un gatto, o qualsiasi altro animale, non può più fare finta di niente e tirare diritto, ma è obbligato a fermarsi per prestargli soccorso. Stesso obbligo per chi indirettamente, pur non essendo l’autore dell’investimento rimane coinvolto nell’incidente. Così il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti italiano ha modificato il Codice della Strada, inserendo l’art 45 bis che equipara lo stato di necessità di trasporto di un animale ferito a quello delle persona, prevedendo tra l'altro l'utilizzo di sirena e lampeggiante per ambulanze veterinarie e mezzi di vigilanza zoofila.


"La norma ha preso atto del cambiamento del sentire comune sul dovere di prestare soccorso anche agli animali – hanno dichiarato Gianluca Felicetti, presidente Lav, e Carla Rocchi, presidente nazionale Enpa “Nel decreto siamo riusciti a far inserire il pieno riconoscimento del privato cittadino che porta per dovere civico un animale incidentato in un ambulatorio veterinario, la necessità di intervento anche ai fini della tutela dell'incolumità pubblica e il pieno riconoscimento dell'attività delle Guardie zoofile”

Concordando pienamente sulla necessità di rendere obbligatorio anche a San Marino, il soccorso di un animale investito, alla stessa stregua della persona umana, l’Associazione Sammarinese Protezione Animali ha già provveduto alla stesura della proposta di legge per la modifica del Codice della Strada in tal senso, proposta che, supportata dalle firme dei cittadini, verrà presentata alle istituzioni non appena la situazione politica e di governo tornerà stabile.

 

L’UFFICIO STAMPA APAS

 



Segnala questo articolo sui Social Networks
Google! Facebook! Twitter!

Una storia di cuore

Pubblicità progresso