Scozia: nuova legge per la protezione delle foche

Nascosto dagli occhi del mondo, un “massacro segreto”, era quello delle foche lungo le coste della Scozia. La vicenda è emersa ed è stata diffusa grazie al lavoro svolto dagli attivisti locali i quali avevano contattato l’OIPA per chiedere sostegno all’appello rivolto al Governo scozzese per chiedere di porre fine a tale crudeltà ed introdurre una nuova normativa.

Le foche potevano essere uccise se ritenute una minaccia per l'allevamento dei pesci, o dannose per le reti: la normativa consentiva infatti di sparare alle foche per fermare i danni alle gabbie dell’allevamento ittico. Ogni anno circa 5.000 foche morivano sotto i colpi dei proiettili. Una morte crudele e dolorosa, a cui non sfuggivano nemmeno le foche in gestazione. I corpi, trascinati dalle onde, venivano ritrovati lungo le coste, con un foro di proiettile in testa.

Esperti biologi marini affermano che la popolazione delle foche in Scozia è in catastrofico declino e che la riduzione degli stock di pesce è dovuta alle quote eccessive di pesca.

Grazie ad oltre 21.000 e-mail in appoggio alla campagna per la protezione delle foche in Scozia, finalmente qualcosa è cambiato: il Parlamento scozzese ha approvato una nuova legge a tutela dei mari e delle foche che vi abitano. Sono state introdotte nuove restrizioni che rafforzano e migliorano l’obsoleta normativa “per la conservazione delle foche” in vigore dal 1970.
La nuova normativa approvata permette al Governo di proibire l’uccisione delle foche in certi periodi quali la stagione della gestazione, della nascita dei cuccioli o durante i mesi di vita in cui i cuccioli sono ancora dipendenti dalle madri. La nuova normativa aumenta le sanzioni per chi le uccide o le ferisce e viene introdotto il requisito di utilizzare metodi di esclusione o deterrenti non letali al fine di allontanarle.

La Scozia finalmente si è attivata per difendere le foche. Come auspicato dal 75% della popolazione scozzese, la normativa sta proteggendo le foche in attesa che si arrivi il prima possibile ad avere un bando totale alla loro uccisione.

Questa nuova legge annuncia una nuova era per i mari della scozia e per tutti gli animali che li abitano. Un grazie di cuore a tutti coloro che hanno sostenuto il nostro Appello per gli Animali, insieme siamo riusciti, dopo 40 anni di silenzio, a dare voce a questi animali, troppo a lungo dimenticati.

Paola Ghidotti
OIPA International Campaigns Director


Segnala questo articolo sui Social Networks
Google! Facebook! Twitter!

Una storia di cuore

Pubblicità progresso