Gran Bretagna, basta con gli zoo!

Dopo l'annuncio di voler vietare gli animali selvatici nei circi, ora la Gran Bretagna potrebbe fare un altro importante passo avanti nel rispetto del mondo che ci circonda: chiudere gli zoo.

La proposta giunge dal sottosegretario al Welfare britannico, Angela Smith, che li considera come una «reliquia dell’epoca vittoriana». La Smith ha raccontato di aver ricevuto migliaia di lettere dai bambini sconvolti dalle terribili condizioni in cui gli animali sono tenuti e ha aggiunto: «Si possono capire i vittoriani, che erano affascinati da ciò che vedevano quando queste specie venivano portate qui, perchè non potevano viaggiare, ma ora la gente può viaggiare e vedere gli animali in splendidi film e documentari.».

La strada è ovviamente lunga, soprattutto perchè nel Regno Unito sono oltre 400 gli zoo aperti e le polemiche per la proposta non si sono fatte attendere. Molti sostengono che l'esistenza degli zoo ha permesso di conservare alcune specie animali, ma l'ente per la protezione degli animali in cattività non è d'accordo: solo raramente gli zoo effettivamente li reinseriscono allo stato naturale e tengono nelle loro strutture specie che non sono assolutamente a rischio estinzione come, per esempio, le giraffe.

Nella querelle è intervenuto anche David Field, direttore dello zoo di Londra: «E' vero, noi abbiamo specie come le giraffe che non necessariamente sono a rischio estinzione, ma quando le persone vengono a vedere le giraffe, scoprono anche l'elevato numero di quelle specie che rischiano di scomparire. E poi, se io dovesse scegliere fra il vedere la finale di Coppa inglese allo stadio o in tv, sceglierei la partita dal vivo. Per lo stesso motivo preferirei vedere gli animali dal vero in uno zoo».

Dunque la discussione è aperta, anche al governo. Mentre il sottosegretario Smith spiega che proporrà di stabilire un momento dopo il quale  gli zoo dovranno smettere di comprare nuovi animali in modo da poterli chiudere con meno traumi possibili nell’arco dei prossimi 10 anni, il ministro alla salute degli animali replica quasi stizzito: «Angela non ha la responsabilità per questi temi. Non abbiamo nulla in programma per gli zoo». Il portavoce del ministero dell'Ambiente va anche oltre: «Non abbiamo in programma di chiudere gli zoo. La salute degli animali è per noi molto importante e i ministri hanno recentemente annunciato di voler bandire gli animali dai circhi».
Dunque la strada è ancora lunga, ma qualcosa, forse, si sta smuovendo.


Segnala questo articolo sui Social Networks
Google! Facebook! Twitter!

Una storia di cuore

Pubblicità progresso