Stop della Lufthansa al traporto di cani e gatti per la vivisezione

In meno di 24 ore, da quando l’associazione americana Peta ha diffuso le foto in cui vengono mostrati 50 cani trasportati su un volo della compagnia Lufthansa, dagli Stati Uniti verso laboratori per la vivisezione in Scozia, anche l’OIPA ha scritto alla compagnia in merito alla vicenda e si è attivata sul piano internazionale per segnalare la vicenda.

La risposta è stata immediata e ci è giunta conferma, in una nota della compagnia, che la nuova regolamentazione in materia mette fine in modo permanente al trasporto di cani e gatti ai laboratori per la vivisezione.

Lufthansa e Lufthansa Cargo  tradizionalmente si sottopongono a condizioni rigorose riguardo al trasporto di animali vivi. Il Regolamento della IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo), che si applica anche in Germania, rappresenta le condizioni minime per Lufthansa, che sono oltrepassate dalle misure interne di qualità. Inoltre le leggi nazionali, internazionali ed i regolamenti vengono osservati accuratamente.
Lufthansa Cargo inoltre aderisce rigorosamente alle restrizioni al trasporto di certi animali, per esempio, nell’ambito di applicazione del Regolamento CITES, Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione.

“La decisione di non trasportare cani e gatti destinati alla sperimentazione fornisce un ulteriore segnale che noi siamo concentrati sul benessere degli animali”, ha commentato Axel Heitmann, Director Competence Center Animals, della Lufthansa Cargo.

Un grazie và alla compagnia aerea per questa importante decisione in difesa degli animali e per la disponibilità a rispondere alle richieste che gli sono pervenute.

Un altro passo per la protezione degli animali è stato fatto: il nostro impegno è continuo e costante, grazie anche a gruppi di sostegno internazionali sempre pronti ad attivarsi per monitorare le situazioni in cui gli animali hanno bisogno di aiuto.

Leggi il comunicato della Lufthansa

Paola Ghidotti

OIPA International Campaigns Director



Segnala questo articolo sui Social Networks
Google! Facebook! Twitter!

Una storia di cuore

Pubblicità progresso