Fiera di Pugliano: c'è ancora molto da cambiare

pugliano-19-settembre-2010_home.jpgSan Marino, 22 Settembre 2010 -  Terza settimana di Fiera a Pugliano con rinnovata visita sul posto da parte dei rappresentanti delle associazioni animaliste ENPA Altavalmarecchia, Animalfreedom Rimini, APAS  San Marino e DNA Rimini, per  constatare se le modalità di esposizione degli animali rispondevano ai contenuti del regolamento concordato col sindaco del comune di Montecopiolo-Villagrande,  e con i Servizi Veterinari di Novafeltria e Macerata. Ebbene, pur constatando miglioramenti strutturali nel settore dei bovini, tutti quanti collocati in appositi box, dotati di abbeveratoi e fieno, non si può dire la stessa cosa per il settore degli equini, ancora molto carente dal punto di vista delle strutture e della sicurezza, a detta degli stessi allevatori. >>> Foto >>> Cronistoria


I pony e gli asini infatti sostano ancora alla posta con corde talvolta troppo corte (per ragioni di sicurezza…!.dicono) cosa che i rappresentanti delle associazioni animaliste hanno di nuovo contestato, scontrandosi animatamente con la mentalità ottusa e arretrata di qualche allevatore. In effetti il problema della sicurezza c’è, come è stato lamentato dagli allevatori, i quali sostengono addirittura che tale reparto  venga discriminato dall’Organizzazione, che appunto non ha predisposto i box necessari.

Ed ancora, nonostante la presenza di cartelli che vietavano di cavalcare in zona fiera diversi allevatori utilizzavano tranquillamente i pony per portare a spasso i bambini (a pagamento….ma si può?) chieste delucidazioni in merito ai carabinieri questi hanno consigliato di “chiedere” ai vigili, che tuttavia è stato impossibile reperire…. e non è la prima volta. Ci si impegnerà comunque a richiedere spiegazioni in merito prossimamente.

Lascia ancora molto a desiderare l’esposizione degli animali da cortile, soprattutto i volatili (oche, galline tacchini), stipati nelle gabbie e nelle cassette da trasporto. Soprattutto in queste ultime, gli animali sono stati trovati privi di acqua, quasi sempre presente invece nelle gabbie a terra; segnalata la cosa all’ allevatore, questi con massima tranquillità ha risposto che “la legge sul trasporto prevede che i polli possano stare anche 8 ore senza bere” se lo dice la legge!! Ma forse bisognerebbe provare a mettere dell’acqua, così lo si saprebbe subito….. Delucidazioni in tal senso sono state chieste ancora una volta ai veterinari  i quali hanno anche di nuovo minimizzato, trovando una serie di giustificazioni per il mancato rispetto del regolamento, fra cui quella che “non avevano tempo di conferire, stavano lavorando”, quando fra le altre cose, dovrebbero essere garanti del benessere animale su espresso mandato del sindaco.

Per contro, alcuni espositori si sono invece complimentati con le sottoscritte associazioni per il loro impegno presso l’Amministrazione, cosa che ha favorito il miglioramento delle condizioni  degli animali ma anche dei partecipanti, attraverso la messa in opera di padiglioni, ombreggianti, gazebo e altre soluzioni che hanno potenziato l’immagine della Fiera stessa.

Cecilia Bravo – ENPA Altavalmarecchia
Emanuela Stolfi – APAS San Marino
Lorenza CevoliAnimalfreedom Rimini
Uliana VergoniDNA Rimini


pugliano-19-settembre-2010_01.jpg


pugliano-19-settembre-2010_02.jpg

pugliano-19-settembre-2010_03.jpg


pugliano-19-settembre-2010_04.jpg

pugliano-19-settembre-2010_05.jpg

pugliano-19-settembre-2010_06.jpg






Segnala questo articolo sui Social Networks
Google! Facebook! Twitter!

Una storia di cuore

Pubblicità progresso