Cosa facciamo

header9.jpg
  • Ci occupiamo della gestione del Rifugio di Ca’ Chiavello che accoglie cani e gatti abbandonati. Al Rifugio lavorano 5 addetti, (solo due full-time) affiancati da un pensionato e da una dozzina di volontari che svolgono un ruolo fondamentale sia nella gestione del rifugio (lavoro del sabato, domenica e festivi) che nelle iniziative dell’Associazione (sopraluoghi per maltrattamenti, iniziative culturali, raccolta fondi). Attualmente sono custoditi circa 140 cani e 90 gatti. Mediamente arrivano ogni anno 70/80 cani e ne vengono affidati e riconsegnati al proprietario altrettanti. Di gatti ne arrivano molti di più, mediamente 120/140 ma ne vengono affidati più o meno la stessa cifra. Nel 2008 si è verificato un picco di cucciolate che ha rasentato le 250 unità, fortunatamente grazie agli sforzi degli addetti e dei volontari gli affidamenti sono ad oggi oltre le 200 unità fra adulti e cuccioli. Il Rifugio APAS in base alla convenzione in materia, funge anche da Canile pubblico, quindi l’APAS svolge un’attività che spetta per legge allo Stato (Legge n° 54 del 23 aprile 1991).
  • Lavoriamo in collaborazione con il Servizio Veterinario dello Stato e due guardie cinofile per il controllo delle colonie feline, per perseguire il maltrattamento degli animali e per favorire l’identificazione dei cani.
  • Combattiamo il randagismo canino e felino sensibilizzando la popolazione e assegnando periodicamente contributi economici a coloro che sterilizzano i propri animali da affezione.
  • Collaboriamo con le Scuole e con Enti sia pubblici che privati allo scopo di sensibilizzare alle tematiche generali di protezione degli animali e rispetto dei loro diritti. Fra le ultime iniziative si segnala il Concorso letterario “Storie di zampe, code musi e becchi” con la realizzazione di un libro di storie sugli animali che ha trovato ampio riscontro nella popolazione (650 copie esaurite in pochi mesi).
  • Ci impegniamo per la difesa e conservazione della fauna selvatica e dell’ambiente naturale di San Marino. Grazie agli sforzi  di questi anni siamo riusciti a controllare l’attività venatoria e ad ottenere l’istituzione dell’Osservatorio sulla fauna selvatica e relativi habitat. Organismo di cui facciamo parte.
  • Curiamo il sito web www.apasrsm.org il canale Youtubeapaschannel” che affrontano tematiche di natura animalista e ambientalista, e una pagina su un periodico mensile di ampia diffusione sia in territorio che nel circondario.
  • Sosteniamo progetti internazionali e nazionali promossi dalle maggiori associazioni ambientaliste e animaliste: campagna antipellicce, lotta alla vivisezione, sfruttamento degli orsi nelle fattorie della bile in Cina, campagna contro il randagismo nei paesi dell’est, sostegno alla conservazione delle grandi scimmie, solo per citarne alcuni.
L\'Adobe Flash Player non installato o piu vecchio della versione 9.0.115!


Segnala questo articolo sui Social Networks
Google! Facebook! Twitter!

Una storia di cuore

Pubblicità progresso