Olè Alex… ma a quale prezzo!


Condividere certi “passatempi” con un killer di animali, invalida altresì il suo ruolo di testimonial di alcune Associazioni sammarinesi che si impegnano per la salute e per la salvaguardia della vita umana. La vita e' preziosa in quanto tale, pertanto occorre difenderla, sia che si tratti dell'uomo che di qualsiasi altro essere vivente.
Alla luce di ciò AgireOra network, si è reso promotore della protesta interpretando la sensibilità di tutti coloro che, pur ammirando il talento sportivo di Alex De Angelis, sono rimasti delusi dalla leggerezza e dalla superficialità con la quale egli ha legittimato attraverso il proprio comportamento, la corrida e la caccia agli animali esotici, pratiche crudeli che offendono la morale e il comune sentire della maggior parte delle persone.
Per scrivere ad Alex De Angelis: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


 

Olè… ma a quale prezzo!

"E’ una sera d’estate, degli uomini sono venuti a portarmi del cibo e dell’acqua fresca. Mi stanno lustrando il pelo e mettendo i fiocchi alle corna e alla coda, non capisco il perché di queste attenzioni…
Con una corda mi trascinano verso una staccionata da cui vedo tanti uomini urlare. Quindi mi immobilizzano legandomi le gambe e, l’ultima cosa che sono sicuro di vedere è un uomo che mi cosparge gli occhi con una polvere e delle cose nel naso e in bocca che mi impediscono di respirare bene. Di nuovo mi trascinano e appena mi sento libero dalle corde incomincio a trottare di qua e di là, incerto e impaurito.
Degli uomini a cavallo mi girano intorno, e sento bucarmi con dolore la schiena. Muovendomi il dolore si intensifica, inizio a perdere sangue, vedo una sagoma muoversi e le piombo addosso scaricando la mia rabbia e il mio dolore. Mi sento rimbombare in testa il battito del mio cuore e un grido… Olé.
Con tristezza mi accorgo di aver colpito un cavallo. C’è caldo ma sento freddo, c’è luce ma vedo buio, mi si avvicina un’ombra che mi trafigge, chiudo gli occhi, cado a terra, non riesco ad alzarmi e capisco che sto per morire. L’ultimo mio pensiero va alla mia famiglia e spero che nessuno dei miei cari subisca quello che…"

Lavoro collettivo della Scuola media E. Fermi di Capraia Fiorentina.
Pubblicato su “Notiziario Animalista! Periodico del Comitato Europeo Difesa Animali ONLUS. www.animalitalia.it